20160130_125123

Egregio Presidente,

come Le avevo già detto telefonicamente, mi permetto di presentarLe in maniera sintetica me stesso e la mia storia di persona impegnata in politica e nel mondo del sociale, da sempre (almeno per il tempo che riguarda la durata della mia vita).

Innanzi tutto, mi scuso per la telefonata fatta di sabato pomeriggio, ma, chi vive ancora con entusiasmo lavoro ed impegno nella società, normalmente, non segue orari convenzionali.

Come le avevo già detto, proprio sabato mattina, avevo giurato ai miei colleghi di scuola che non avevo più intenzione di far politica dentro un partito, ma, forse, la mia inconscia esigenza interiore mi spinge a cercare e sperare sempre.

Non cerco un carro di vincitori perché già di questi carri ne ho evitato abbastanza ma solo trovare uno specchio in cui rifletto le mie idee e trovo sincerità negli ideali a prescindere come finisce la partita.

Mi presento, sono Aurelio D’Amico, nato a Bagheria (Palermo) il 4 gennaio 1960 ed ivi residente in via Luigi Sturzo n. 2, proprio quella Bagheria che vive la contraddizione di essere stata : il rifugio di Bernardo Provenzano e la musa ispiratrice e la città di nascita di Giuseppe Tornatore, Guttuso, Ignazio Buttitta e tanti altri uomini di cultura, d’arte e di buona volontà.

Il mio impegno nasce dentro il mondo cattolico ( Azione Cattolica, Agesci, Acli, Dimensioni Nuove) e prosegue, politicamente, nella Democrazia Cristiana, nei Cristiano Sociali con l’Onorevole Angelo Capitummino, nella laica e territoriale Unione Democratica Federalista, legata a livello nazionale alla Unione Democratica dell’Onorevole Maccanico, per poi concludere con un grosso impegno in Italia dei Valori di Antonio Di Pietro (come Coordinatore Cittadino, Coordinatore Area Metropolitana di Palermo, Componente del Coordinamento Regionale Sicilia) ( da “combattente chiamato alle armi” dal partito già candidato al Consiglio Comunale di Bagheria, a Sindaco di Bagheria, al Consiglio Provinciale di Palermo, alla lista per la Camera dei Deputato Sicilia Occidentale…….mi manca solo la candidatura ad amministratore del mio condominio) istituzionalmente, già assessore dal giugno 2006 al mese di agosto 2008 nel Comune di Bagheria.

Preciso che per impegno nel partito e non per sete di potere mi sono offerto ogni qual volta IDV me lo chiedeva, con spese solo ed esclusivamente a mio carico personale e della mia famiglia.

Oggi, precisamente, dal 2012, sono solo stufo e stanco con una scarsa voglia di credere a tutti i partiti che già conosco o a cui ho aderito e che sono stati miei alleati.

Da alcuni anni con soddisfazioni umane e riconoscimenti vari, mi seguo soltanto l’impegno in alcune associazioni, di cui sono delegato da anni e che mi permettono di essere considerato una brava e seria persona (così dico?!) Confconsumatori Delegazione Comunale, Sindacato CIISA Delegazione Provinciale, Unioncasa Delegazione Provinciale, Confederazione Amministratori Immobiliari Coordinamento Regionale, Nuovo Millennio Delegazione Territoriale.

Alcune per fini sociali, altre per fini di categoria.

La mia storia nasce dentro varie ed altre associazioni: io ci ho sempre creduto al valore sociale delle associazioni.

Il mio lavoro: sono docente di Discipline Giuridiche presso l’I.T.E.S. L. Sturzo di Bagheria e, contemporaneamente, sono Avvocato iscritto presso il Foro di Palermo.

Nella mia esperienza professionale, ho due momenti significativi istituzionali: Vice Pretore Onorario presso la ex Pretura di Bagheria dal 1995 al 1997; Assessore Comunale di Bagheria al Decentramento, alla Protezione Civile, allo Sport e alla Sanità dal giugno 2006 al mese di agosto 2008.

Dopo avere visto il Vostro sito (trovato per caso in internet in una ricerca di partiti e movimenti nuovi ) e avere visto e ascoltato alcuni Vostri Video ho il piacere e la voglia di ascoltarvi e nel tempo forse condividere una presenza sul territorio significativa, aldilà del solito modo di intendere la politica.

Egregio Presidente, la Sua pacata riflessione telefonica mi mette nella ottica di prestarVi attenzione e iniziare un dialogo con Voi, nel tentativo di maturare una sincera e seria condivisione di ideali.

Vorrei nuovamente voler credere in persone serie, che in maniera disinteressata vogliono essere presenti nella Società.

Una buona domenica.

Bagheria lì 5 febbraio 2017

Aurelio D’Amico

Commenti

comments